Slideshow

La Bella dormente nel bosco(la regina)-Teatro Rendano di Cosenza Le nozze di Figaro-International Byblos Festival Otello-Teatro Regio di Parma Serva Padrona-Teatro Bellini di Catania Il Giocatore-Fondazione Teatro Massimo Bellini di Catania La Bella dormente nel bosco(la regina)-Teatro Rendano di Cosenza La Serva Padrona-Fondazione Teatro Massimo Bellini di Catania Il cappello di paglia di Firenze-Wiener Kammeroper

Chi è online

 6 visitatori online
 

 

Gabriella Colecchia

Gabriella Colecchia ~ Official web site
NEWS!
 
 
- Creata la fan page di Facebook, iscriviti  cliccando qui!
 
- Segui gabriellacolecchia su Instagram scaricando l'App cliccando qui!
 
 
- New photo shooting - vai alla pagina DOWNLOAD FOTO
 
 
Mezzosoprano, nata a Napoli dove si diploma in Canto al Conservatorio di San Pietro a Majella, si perfeziona all' Accademia Rossiniana di Pesaro selezionata da Alberto Zedda. Giovanissima si pone all’attenzione internazionale vincendo prestigiosi concorsi come il Pavarotti International Voice Competition di Philadelphia, dove debutta al suo fianco all'Academy of Music, ed il Concorso Internazionale Toti dal Monte di Treviso. Inoltre le viene assegnata una borsa di studio da Luciano Pavarotti e Claudio Abbado - Premio Amadeus - nell'ambito di Ferrara Musica, e più recentemente riceve il Premio Beniamino Gigli ad Helsinki. La sua carriera la vede protagonista in prestigiosi teatri come il Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Regio di Parma – Festival di Verdi, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Olimpico di Vicenza (Patrimonio Unesco), Macerata Opera Festival, Rossini Opera Festival di Pesaro, Teatro Massimo Bellini di Catania, Teatro Real di Madrid, Amsterdam Concertgebow, Teatro de La Monnaie/De Munt di Bruxelles, Dresden Semperoper, Opera di Montecarlo, Calouste Gulbenkian Foundation di Lisbona, Wexford Opera Festival, Philadelphia Opera Company, Bunka Kaikan di Tokyo. Registra per etichette come Opera Rara, Bongiovanni, Fonè, Dynamic, Ermitage. Ha al suo attivo un repertorio che spazia dalla cameristica, sinfonica, all’operistica, con un percorso tecnico-vocale che l'ha portata ad affrontare ruoli belcantistici fino ad approdare a ruoli del grande repertorio come Amneris, Azucena, Eboli, Carmen, Preziosilla etc...                                                                                                    
 
 
 
-  dal 20 maggio al 6 giugno 2018 - Teatro San Carlo di Napoli  - Nuova produzione di  "La Traviata"  (Flora Bervoix) direttore Jordi Bernàcier, regia Lorenzo Amato, scene Ezio Frigerio, costumi Franca Squarciapino, con Leo Nucci e Nino Machaidze
 
 
 
-  6 febbraio 2018 - Palazzo Zevallos Stignano, Gallerie d’Italia - XX stagione di concerti Fondazione Pietà de’ Turchini di Napoli h 20.30 “Promenade  Napoletaine”  Recital  con musiche di Gabriel Fauré, Franco Alfano, Francis Poulenc, Mario Pilati 
Gabriella Colecchia mezzosoprano,  Dario Candela pianoforte
 
 
 
 - 18 agosto 2017 h 21 - Recital "Salotto napoletano" canzoni ed arie da camera nei salotti napoletani tra XVIII e XX secolo - Museo della canzone napoletana - Convento di S. Maria de Plano - Calvello (PZ) 
Gabriella Colecchia mezzosoprano,   Pierfrancesco Borrelli pianoforte 
 
 
 
- dal 25 al 28 agosto 2017 - Masterclass di Canto - docente: Gabriella Colecchia. La masterclass è patrocinata dal Comune di Calvello (PZ)  in collaborazione con la pro loco.  
 
 
 
"Gabriella Colecchia (Cuniza) fa di ogni frase di recitativo un capolavoro di scolpitura testuale, e di ogni aria una lezione di canto sul fiato, dalle infinite screziature espressive nel continuo variare di colori intensità, spessori, ogni passaggio acrobatico sottratto all'esibizionismo virtuosistico ma reso supremamente espressivo"

(Alberto Corrado)

Rivista SIPARIO - Recensione di  "Oberto, conte di San Bonifacio" di Verdi,  Macerata Opera Festival - direttore Daniele Callegari; regia, scene e costumi Pier'Alli - nuova produzione 

 
 


Il Trovatore di G. Verdi

"Condotta ell'era in ceppi" (Azucena)

Gabriella Colecchia mezzosoprano

 
 
- 20 gennaio 2016  "Otello"  di  Verdi  : "Voce possente quella di Gabriella Colecchia, nei panni di Emilia"  (Gianluigi Mattietti)  Leggi tutto ...     Inaugurazione del Festival  di Verdi - Teatro Regio di Parma .   Nuova produzione firmata Pier Luigi Pizzi ,   direttore: Daniele Callegari
 
" ...Emilia  interpretata  dal  mezzosoprano  Gabriella  Colecchia,  che nel grande concertato del finale terzo ha avuto modo di emergere con una vocalità piena e rigogliosa..."   (Andrea Merli)    Leggi tutto...
        
"Molto bene anche l'Emilia di Gabriella Colecchia dal timbro avvolgente e compartecipe nell'agire in scena."   (Maria Teresa Giovagnoli)   Leggi tutto...
 

Gabriella Colecchia

 
 
- 31 gennaio 2015 Recital "Dalla Canzone all'Opera Lirica" - Galleria Borbonica   - Museo di Storia, Napoli h20.00
 
"Il carisma di Gabriella Colecchia non prevede mezze misure... Cattura il pubblico con un carisma ed una comunicatività che vanno ben oltre le sue indiscusse doti di cantante. Gioca con le parole, introduce in maniera spiritosa le arie che va ad eseguire. La sua gestualità è sorprendente, allegra, vivace. Ti scuote dal solito ruolo di ascoltatore tipico per diventare pubblico partecipante... Ogni gesto si appoggiava in maniera naturale a ciascuna nota, come a sottolinearne la forza narrativa. Ci ha accompagnati in un viaggio musicale attraverso l’Europa: Germania, Francia, Spagna, Italia, sempre con il sorriso, sempre con maestria, cantando in lingue diverse come se ognuna fosse la sua lingua madre. Ha reso “pop“, nell’accezione più elevata del termine, un genere che ingiustamente, spesso, sa troppo di nicchia, senza togliere neppure un grammo all’aurea che l’immaginario collettivo si aspetta da un interprete lirico. Ha regalato gioia a pieni polmoni e Dio solo sa di quanto ce ne sia bisogno in questo momento storico. Raffinata eppure non distante... Dall’Operetta all’Opera, lo spettacolo è stato piacevole in ogni momento. Leggera in “Me voglio fa’ ‘na casa” di Donizetti, severa in “Stride la vampa” tratta da Il Trovatore di Verdi, sanguigna nei brani spagnoli. Meraviglioso l’accenno di passi di flamenco durante l’esecuzione di “Chanson Bohème” dalla Carmen di Bizet. Godibilissima coniugazione di musica e recitazione corporea. Sicuramente un’artista da seguire"            Leggi tutto... 
 
(Antonio Messina)
 
 

Gabriella Colecchia